fbpx

CORSO DI LAUREA TRIENNALE

Ingegneria Civile e Ambientale per la Mitigazione dei Rischi

Presentazione

Le parole chiave del Corso sono spazio urbano e territorio. I due elementi vengono studiati come ambienti di opportunità da sviluppare o come ambienti da salvaguardare dai rischi antropici e naturali. L’offerta formativa si arricchisce, inoltre, dello studio di casi reali, rendendo i laureati in grado di ambientarsi sin da subito all’interno del mondo del lavoro.

Sbocchi occupazionali

Il laureato triennale può accedere ad incarichi nelle pubbliche amministrazioni o trovare impiego presso società di costruzioni, di progettazione o consulenza sulla sicurezza ambientale e del territorio.

Risorsa 10

Sede

Centro Direzionale - Isola C4

QJs4av.tif

Dipartimento

Ingegneria

Risorsa 8

Lingua di Erogazione

Italiano

Risorsa 6

Accesso

Libero

Il corso in breve

Le parole chiave del corso di Studio in Ingegneria Civile e Ambientale per la Mitigazione dei Rischi sono spazio urbano e territorio. In maniera unitaria, questi sono studiati sia come ambienti di opportunità dove sviluppare e costruire, sia come ambienti da salvaguardare dai rischi naturali e antropici connessi. Tre buoni motivi per studiare ingegneria civile e ambientale all’Uniparthenope:
  • impari a progettare soluzioni diverse per i problemi del territorio, confrontandoti con casi reali;
  • impari a pianificare, progettare, gestire opere e infrastrutture;
  • puoi alimentare la passione per le scienze e l’innovazione.

Profili professionali

Durata Corso: 3 anni
Numero Esami: 20
Numero Crediti: 180
Accesso: Libero
Double Degree: No
Classe Appartenenza: L-7
Dipartimento: Ingegneria

Date da ricordare

Inizio Immatricolazione

Scadenza Immatricolazione

Competenze attese

L’impostazione generale del corso di studio, fondata sul rigore metodologico proprio delle materie scientifiche, fa sì che lo studente maturi, anche grazie a un congruo tempo dedicato allo studio personale, competenze e capacità di comprensione tali da permettergli di includere nel proprio bagaglio di conoscenze anche alcuni dei temi di più recente sviluppo.

Leggi di più

In particolare il laureato in Ingegneria Civile e Ambientale per la Mitigazione dei Rischi possiederà una adeguata conoscenza e comprensione degli strumenti fisico-matematici che sono alla base dell’Ingegneria Civile e Ambientale, quali l’analisi matematica, l’algebra e la geometria analitica, la fisica generale e la fisica matematica, la statica e la dinamica dei corpi rigidi, dei fondamenti delle materie caratterizzanti l’Ingegneria Civile quali la Scienza e la Tecnica delle costruzioni, la Geotecnica, l’Idraulica, le Costruzioni Idrauliche la Topografia e l’Ingegneria Sanitaria e Ambientale. L’impostazione didattica comune a tutti gli insegnamenti prevede che la formazione teorica sia costantemente accompagnata da esempi, applicazioni numeriche e di laboratorio, lavori individuali e di gruppo e verifiche che sollecitino la partecipazione attiva, l’attitudine propositiva, la capacità di elaborazione autonoma e di comunicazione dei risultati del lavoro svolto .

Maggiori informazioni

Tutte le informazioni sul percorso formativo, dall’accesso alla prova finale, per tutti gli studenti interessati a iscriversi al Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Civile e Ambientale per la Mitigazione dei Rischi.

Requisiti di ammissione

Per affrontare con profitto i Corsi di Laurea in Ingegneria si richiede il possesso di conoscenze scientifiche di base, di capacità di comprensione verbale. Gli ultimi due aspetti, particolarmente importanti anche per colmare eventuali lacune relative al primo, sono strettamente correlati alle capacità di lettura e interpretazione dei testi, di organizzazione e archiviazione della conoscenza, di autovalutazione, di organizzazione della attività di studio, di assunzione di responsabilità sulle decisioni prese. Tuttavia, per quanto riguarda la matematica, la formazione in Ingegneria deve innestarsi su un substrato formativo precedente, sviluppato durante l’intero percorso scolastico.
In quest’ottica si ritiene opportuno fornire un’indicazione dettagliata circa le conoscenze essenziali di matematica:

  • Algebra; operazioni, potenze, approssimazione; calcolo numerico (uso consapevole della calcolatrice);
  • Progressioni, esponenziali, logaritmi, elementi di trigonometria;
  • Elementi di Geometria euclidea, geometria dello spazio;
  • Elementi di Geometria Analitica;
  • Logica elementare e qualche cenno di analisi matematica.

Tirocini e Placement

Il Dipartimento di Ingegneria ha attive specifiche convezioni per lo svolgimento di attività di tirocinio con le seguenti società ed enti pubblici:

Comune Cicciano (NA), Tecno In spa, TECNO SrL, METROPOLITANA DI NAPOLI, ASIA, Calderisi Group SrL, Comune di Nocera Inferiore, ACEN – Associazione Costruttori Edili Napoli, Provveditorato alle opere Pubbliche della Regione Campania, Comune di Bacoli (NA), FIPA scarl, Stress S.c.a.r.l., Progest SpA, Elios Engineering srl, Air support srl, CNR – ITC, Supertech High Tech Brakes srl, INCOSIT SrL, CMD SpA, A&C Ecotech, Comune di Napoli, Kisters AG, PAPER DIVIPAC, C.I.R.A. SpA, KISTERS AG, ISTITUTO BANCO DI NAPOLI, ANEA Ag. Napoletana Energia e Ambiente. Il Corso di Studi ha inoltre attivato una convenzione per attività di tirocinio con l’azienda Kisters AG con sede in Germania e con la Beijing University of Civil Engineering and Architecture (BUCEA).

Prova Finale

La prova finale consiste nella discussione di fronte a una commissione composta da almeno sette docenti di un elaborato scritto che verte sui contenuti propri di almeno una delle attività formative incluse nell’ordinamento didattico. L’elaborato è predisposto dallo studente sotto la guida di un relatore e può riguardare una o più delle seguenti attività: – elaborato di calcolo, di progetto o di verifica; ricerca bibliografica. Tipicamente, l’assegnazione del relatore viene effettuata su richiesta del laureando, che può indicare la disciplina nella quale intende svolgere la prova finale.

I criteri di valutazione della prova finale tengono conto della complessità dell’elaborato, della padronanza mostrata nella disciplina trattata e della capacità di esposizione: tali criteri sono descritti in un apposito regolamento pubblicato sul sito del Dipartimento di Ingegneria.

Insegnamenti previsti - a.a. 2020/2021

renata della morte

Referenti del corso

COORDINATORE CORSO DI STUDI
Prof.ssa DELLA MORTE Renata
renata.dellamorte@uniparthenope.it

centro direzionale parthenope

Contatti

Servizi di Orientamento e Tutorato

Risorsa 10

Indirizzo

Via Acton, 38 - 80133 Napoli

Risorsa 10

Telefono

081.5475151 - 136 - 248 - 617

Risorsa 10

Mail

orientamento.tutorato@uniparthenope.it

Scuola Interdipartimentale delle Scienze, dell'Ingegneria e della Salute

Risorsa 10

Indirizzo

Centro Direzionale di Napoli, Isola C4 - 80143 Napoli
Via Medina 40 – 80133 Napoli

Risorsa 10

Telefono

081 547 6737 / 6548 / 4199
081 547 4651 / 4684

Risorsa 10

Mail

ScuolaSIS@uniparthenope.it
SegreteriaDidattica.ScuolaSIS@uniparthenope.it

Risorsa 10

Sito internet

sisis.uniparthenope.it
sisis.uniparthenope.it/ufficio-scuola-sis-segreteria-didattica-cds/

Dipartimento di Riferimento

Risorsa 10

Indirizzo

Centro Direzionale di Napoli, Isola C4 - 80143 Napoli

Risorsa 10

Mail

dipartimento.ingegneria@uniparthenope.it

Risorsa 10

Sito internet

www.ingegneria.uniparthenope.it

Sede del corso

Centro Direzionale di Napoli, Isola C4 – 80143 Napoli

Vuoi iscriverti al Corso?

Inserisci i tuoi dati nel form sottostante e ti invieremo una brochure descrittiva con tutte le informazioni utili. Per ulteriori chiarimenti sull’Offerta Didattica o sulle modalità di accesso scrivi un messaggio all’Ufficio dei Servizi di Orientamento e Tutorato compilando il campo “la tua richiesta” e sarai ricontattato al più presto.








    OFFERTA FORMATIVA A.A. 2020/21

    Scopri l'Offerta Formativa
    per i Corsi di Laurea Magistrale